Libri finiti ad Agosto #2666 di Roberto Bolaño.

1 Settembre 2013

Schermata 2013-08-28 a 21.54.50

 

2666 di Roberto Bolaño

Ad Agosto ho finito un solo libro, ma si è trattato di una impresa meritoria , perchè stiamo parlando di ben 5 diversi romanzi raccolti in un solo volume, per un totale di quasi 1000 pagine, fittissime di racconti.

La parte dei critici, La parte di Amalfitano, La parte di Fate, La parte dei delitti e La parte di Arcimboldi. .

Sono una lettrice accanita, ma stavolta ho un pò fatto fatica ad andare avanti nella lettura, per quanto sia un’opera scritta magistralmente.

Ma andiamo per ordine: 5 romanzi e un filo conduttore, ovvero la ricerca di uno scrittore tedesco il cui nome d’arte è Arcimboldi. Sullo sfondo una serie di omicidi misteriosi apparentemente perpetuati da un serial killer.

Il primo e l’ultimo romanzo valgono da soli l’acquisto del libro. Ben delineati i caratteri dei personaggi, accurata la ricostruzione storica.

In 2666 troverete tutti i generi di scrittura: il romanzo storico, la fantascienza, il romanzo erotico, il romanzo di guerra, il poliziesco, la poesia, che si snodano in una serie infinita di personaggi, in un dedalo di ambientazioni ed epoche differenti (fra la prima guerra mondiale ed i giorni nostri).

A tornare indietro ne leggerei uno alla volta e un pò per volta. Mi sono un pò persa in certi punti, ma a questo punto potrei pensare che anche l’effetto ipnotizzante di certe pagine fosse voluto. Il romanzo più ostico è stato ‘la parte dei delitti’ a causa del reiterarsi degli omicidi, in una escalation di corpi straziati. La violenza sulle donne, di cui si parla sempre troppo poco, e’ infatti uno dei temi portanti dell’opera.
La tragedia del Messico e delle sue donne viene cosi’ denunciata: lo scrittore non può dare un nome all’assassino perchè i politici, le forze dell’ordine e i narcos, non vogliono che venga fuori la verità. Tutto si basa sulla vera cronaca degli stupri e degli omicidi le cui vittime sono operaie messicane. Il giornalista Rodriguez, nominato nel romanzo, esiste davvero, ha scritto un libro sui delitti che da anni affliggono la città di Juarez (s Teresa nella finzione narrativa). Non so se stiate seguendo su sky ‘the bridge’, un telefilm dove si parla del confine tra il Messico e la California e la città di Juarez, terra di nessuno che pare abbia detenuto il primato come città a più alto tasso di omicidi. Ebbene le atmosfere sono molto simili a quelle in cui ci immerge Bolano.

E’ molto commovente poi, come lo scrittore affronti la terribile parabola del popolo tedesco e le atrocità della Shoah ne ‘la parte di Arcimboldi’. Ci sono delle pagine che affondano come un coltello nelle nostre coscienze e i bambini polacchi ubriachi resteranno impressi nella mia memoria come la bambina con il cappotto rosso, della ‘lista di Shindler’.

Credo di aver scoperto un grandissimo scrittore.

Un opera omnia da assaporare lentamente.

14 Comments

  • Reply wwayne 1 Settembre 2013 at 10:08

    Un altro libro che mescola il romanzo storico con la fantascienza é “22/11/’63” di Stephen King. Te lo straconsiglio se non l’ hai ancora letto. Leggendo il nome dell’ autore magari pensi che ci troveresti chissà quante pagine intrise di sangue, ma ti assicuro che King negli ultimi anni si é molto ammorbidito: “22/11/’63″ e l’ altrettanto bello “Joyland” ne sono la prova. : )

    • Reply claudiaserpe 1 Settembre 2013 at 10:16

      Ho letto solo ‘misery’ di King ed e’ una lacuna me ne rendo conto! Grazie del consiglio adoro scoprire nuovi titoli! lo aggiungerò volentieri alla libreria!

      • Reply wwayne 1 Settembre 2013 at 10:19

        Anch’ io adoro scoprire nuovi titoli grazie al passaparola. In questo senso, l’ interazione con altri bloggers é preziosissima: non hai idea di quanti libri e autori stupendi ho scoperto grazie a loro. Proprio in questo momento sto leggendo un romanzo, “Che tu sia per me il coltello” di David Grossman, che non avrei mai scoperto se non fosse stato per questa bellissima recensione: http://langoloinvisibile.wordpress.com/2013/08/10/quando-un-libro-riesce-a-sconvolgerti-che-tu-sia-per-me-il-coltello/. Già solo il titolo del post ti fa venire una voglia matta di leggere il libro. Grazie a te per la risposta! : )

        • Reply claudiaserpe 1 Settembre 2013 at 18:10

          hai ragione sono sempre alla ricerca di nuovi blog! il tuo è molto originale!

      • Reply wwayne 1 Settembre 2013 at 18:11

        Grazie mille per i complimenti e per il follow, li ricambio entrambi! : )

  • Reply dina 1 Settembre 2013 at 11:04

    Questo libro sarà davvero interessante,io prediligo i temi sociali inseriti in un contesto storico. Per quanto mi riguarda in agosto mi sono comportata da pigrona verso la lettura:sto leggendo un libro ambientato nell’Inghilterra del 1300 ma l’ho proprio trascurato! speriamo che con il ritorno del fresco ritornino anche le buone abitudini…

    • Reply claudiaserpe 1 Settembre 2013 at 13:03

      poi fammi sapere cosa ne pensi una volta che l’avrai finito!

  • Reply luna 1 Settembre 2013 at 16:39

    Devo iniziarlo prima o poi, ma tutti mi hanno detto che è un’opera indimenticabile!
    Luna

    • Reply claudiaserpe 1 Settembre 2013 at 17:41

      Lo è vale la pena intraprendere l’impresa !

  • Reply tizy1289 2 Settembre 2013 at 19:24

    Io pure, quest’estate, non ho letto granché, e me ne rammarico. Sto terminando il mio librone che raccoglie sei capolavori della letteratura erotica, edito Newton Compton, che mi sta piacendo parecchio.
    Poi ho intenzione di iniziare la biografia di Irene Nemirovsky, un’autrice che ti consiglio caldamente: sublime.
    Io annoterò questo volume!=)

    • Reply claudiaserpe 2 Settembre 2013 at 19:30

      Non la conosco devo documentarmi!! grazie del suggerimento 😉 sei sempre una scoperta <3

      • Reply tizy1289 2 Settembre 2013 at 19:31

        Grazie, anche tu! E’ stato un piacere scovare il tuo blog! *-*

  • Reply Paola C. Sabatini 11 Marzo 2017 at 10:03

    BORDERTOWN , film con Jennifer Lopez e il bel Banderas, racconta di queste donne di Ciudad Juarez.
    Non un capolavoro ma sicuramente “istruttivo”:

  • Leave a Reply