letture di settembre

4 Ottobre 2015
Il mese di settembre è sempre fra i miei preferiti dell’anno. Ho letto tre romanzi, diversi fra loro per ambientazione e stile, che mi sento di consigliarvi.

Amo la letteratura israeliana e sono contenta di aver scoperto per caso Eshkol Nievo, in una delle mie peregrinazioni per le librerie.

simmetria

world cup wishes

La simmetria dei desideri è ambientato ad Haifa ed ha per protagonisti 4 amici, che trascorrono la propria esistenza standosi vicini, pure nelle loro estreme diversità. Una sera, mentre guardano una partita di calcio in tv, decidono di scrivere i loro desideri su dei biglietti, che verranno poi conservati.

I segreti intenti e le speranze di ciascuno saranno svelati solo dopo 4 anni: quali si saranno realizzati?

Il romanzo è bello per tanti diversi motivi: l’ambientazione insolita, con l’intifada che resta sullo sfondo; uno stile che ricorda vagamente quello di Nick Hornby, pur nella sua autentica matrice israeliana.

Se si perdona allo scrittore un finale un po’ troppo cinematografico e una protagonista femminile assolutamente insopportabile, la simmetria dei desideri è un libro che vi farà venire voglia di chiamare, anzi di andare a trovare, i vecchi amici di un tempo, quelli che non vedi da tanto perchè sei troppo preso a vivere la tua vita.

 

academy

Il fragore dei motori si attenuò, l’aereo si stabilizzò e di lì a poco Tess riaprì gli occhi. Stavano volando nell’alta atmosfera terrestre, oltre le nuvole, nel blu. La luce era accecante, meravigliosa. Per un attimo tutti i pensieri svanirono e rimase solo una sensazione di prossimità, uno spiraglio, l’impressione di essere a una frazione di secondo da qualcosa di puro e sublime, a un soffio dal divino.

Academy Street è un romanzo di una scrittrice irlandese, Mary Costello, ed è stata una lettura che mi ha spiazzato.

La prima metà del romanzo è bellissima: la delicatezza con la quale la scrittrice ci parla dell’infanzia di una bambina irlandese, Tess e dei suoi fratelli, rimasti orfani di madre, è commovente. Se avete letto qualche autore irlandese, sapete bene quanto possano essere struggenti certe atmosfere.

La seconda parte è un pugno nello stomaco: Tess, una volta cresciuta, lega tutta la sua esistenza ad una unica notte di amore con un uomo  che non è innamorato di lei, dal quale però ha un figlio. Di solito non apprezzo i romanzi ‘rosa’ e per fortuna  academy street non lo è. E’ un dramma della solitudine e le azioni di Tess, proprio perchè giustificate da problemi psicologici,  sono assolutamente credibili. Avrei evitato la super tragedia finale onestamente, ma davvero a questa donna non viene risparmiato alcun dolore. E’ un romanzo malinconico.

ragazza capelli strani

Mi chiamo Lyndon Baines Johnson. Quel cazzo di pavimento che hai sotto i piedi è mio, ragazzo.

La ragazza dai capelli strani è una raccolta di racconti del mio amato David Foster Wallace (ancora lui!).

Sapete quanto io lo adori, perciò potete immaginare cosa sto per scrivervi: non ho mai letto dei racconti così belli.

Ma vi dirò di più: sono talmente belli che avrei voluto che di ogni racconto, DFW avesse fatto un romanzo e io li avrei letti tutti!

Fra tutti vi segnalo ‘Piccoli animali senza espressione’, ovvero il racconto che ha per protagonista il cast di un quiz televisivo e Lyndon, (ovvero Lyndon Johnson), un racconto che ha un incipit che ti incolla al divano.

Lo stile della scrittura, la struttura della narrazione: David Foster Wallace era un assoluto genio. Si lo so, lo dico tutte le volte.

You Might Also Like

3 Comments

  • Reply Lisbeth 4 Ottobre 2015 at 17:49

    La raccolta di racconti di David Foster Wallace ha dato il nome alla mia rubrica di haircare sul blog 😀

    • Reply claudiaserpe 5 Ottobre 2015 at 7:33

      Ti stimo tantissimo!!!! Sei anche tu una sua lettrice

    Leave a Reply