Pigmenti, come pressarli. Ombretti, come depottarli. Mac, Urban decay, Neve

12 agosto 2016

Una domenica piovosa è l’ideale per dedicarsi a pressare i pigmenti, perchè è una operazione che richiede tanto tempo e pazienza; ad ogni modo io la trovo divertente!

pigmenti pressati

pigmenti pressati

Cosa serve per pressare i pigmenti?

Ovviamente delle cialdine vuote, quelle tipo mac hanno un diametro di 26 mm (io le ho acquistate su ebay da un rivenditore di Honk Hong).

L’ingrediente magico è l’alcool etilico 95°, proprio quello che si vende al supermercato e di solito viene usato per fare i liquori.

Se avete intenzione di compattare dei pigmenti minerali vi servirà inoltre dell’olio di jojoba. In rete ci sono tantissimi video e post dedicati a questa operazione.

Strumenti utili: una spatolina (anche un cucchiaino da gelato va bene), un contagocce, della carta da cucina e possibilmente un vassoio, che vi servirà a non inondare il vostro tavolo di pigmenti colorati e alcool.

naked rose tobacco chateau costa smeralda coccodrillo biotherm lorelei blue brown

naked rose tobacco chateau costa smeralda coccodrillo biotherm lorelei blue brown

Desideravo compattare i miei pigmenti da tanto tempo, per il gusto di portarmeli dietro senza far svolazzare colore ovunque.

Finora ho acquistato in full size 4 pigmenti mac (blue brown, kitschmas, violet e rose) e un pigmento neve (tobacco).Quando si fanno questi acquisiti si ha la consapevolezza che sarà impossibile finirli avendo a disposizione una sola vita, tuttavia su di me i pigmenti esercitano una attrazione folle.

pigmenti pressati

una domenica pomeriggio di pioggia

Possiedo inoltre altri pigmenti, ovvero i campioncini che un tempo da mac fornivano con una certa generosità (naked, primary yellow, magenta madness e i pigmenti della collezione rocky horror) e le mini size di neve: coccodrillo, chateau e costa smeralda. 

violet

violet

Scavando nella toletta inoltre, ho ritrovato un pigmento biotherm, un regalo di mia madre, al liceo. All’epoca non sapevo nemmeno che esistessero i pigmenti: bianco perlato, bellissimo.

kitschmas

kitschmas

Come ho fatto:

ho messo nella cialdina vuota un pò di pigmento e ho cominciato a scioglierla in pochissime gocce di alcool: la consistenza deve essere pastosa, tipo quella della sabbia bagnata: piano piano ho aggiunto pigmento e alcool fino a riempire la cialda.

Poi ho asciugato il tutto con carta assorbente (la mia ha creato sulle cialdine un decoro a puntini che non mi dispiace affatto!), pressando bene con il coperchio di uno dei vasetti. Per i pigmenti minerali ho aggiunto alla fine due gocce di olio di jojoba.

pigmenti

i miei pigmenti pressati

L’unico pigmento che si è separato a contatto con l’alcool è stato magenta madness: si è diviso in pigmento rosso gommoso e acqua (dal punto di vista chimico mi ha affascinato, d’altro canto ora dovrò trovare altro magenta madness), tutti gli altri si sono compattati perfettamente. In costa smeralda ho dosato male l’olio di jojoba, in realtà ne basta davvero pochissimo, infatti tobacco è riuscito perfetto. 

neon orange rocky horror primary yellow

neon orange rocky horror primary yellow

Dopo questa esperienza ho capito che per riempire una cialdina da 26 mm, serve una gran quantità di pigmento, quindi alla fine non ho potuto pressare  neon orange e primary yellow, la quantità è insufficiente.

3d black it's not easy having a good time

3d black it’s not easy having a good time

 

Inoltre ho scelto di non compattare i pigmenti della rocky horror: 3d black ed it’s not easy having a good time, poichè sono pieni di glitter e non voglio rovinare questa loro particolarità. Ho ancora a disposizione tanto blue brown e tanto rose, perchè li ho acquistati in full size e sto pensando che sarebbe bello regalarli.

 

 

 

 

 

Altro divertimento per tutte le appassionate di make up fissate con l’organizzazione, è quello di depottare gli ombretti.

Non sopporto gli ombretti singoli che vagano per i cassetti della toletta, soprattutto perché per comodità preferisco sempre prendere in mano le palette. Sapete infatti che ho due z palette dove ho sistemato tutti i miei refill di ombretti mac ed i pigmenti pressati.

Come si depottano gli ombretti?

come depottare ombretti: forbicine, bastoncino per cuticole, piastra

come depottare ombretti: forbicine, bastoncino per cuticole, piastra

 

In rete ci sono diversi tutorial, il principio è sganciarli dal supporto principale, usando ad esempio delle forbicine come leva, e poi scollare la cialdina di metallo dove si trova la polvere.

per scollare la cialda uso una per capelli

per scollare la cialda uso una piastra per capelli

Per scollare le cialdine mac di solito è necessario usare del calore (io uso una piastra per capelli). Ricordate che poi, riassemblando le parti in plastica, potrete usarle per il back to mac. Negli anni sono diventata abile, ho depottato anche i quad, i dazzleshadow (occhio sono morbidi) e gli ombretti in extra dimension!

Gli ombretti mac in extra dimension sono i più ostici, perché non hanno la cialdina di metallo, ma sono pressati in un reticolo di plastica. Il mio primo tentativo lo feci con lorelei della alluring acquatic, che si polverizzò (poi sono riuscita a ricompattarlo con il metodo dell’alcool).

Alcuni mesi fa ho acquistato rich core, un melanzana metallizzato e ieri ho preso finalmente coraggio e ho cercato una soluzione.

mac rich core in extra dimension

mac rich core in extra dimension

Con l’aiuto di un bastoncino per le cuticole in metallo, sono riuscita a sollevare l’ombretto dal dischetto di plastica senza romperlo (roba da microchirurgo). Ho poi lasciato cadere poche gocce di alcool e pochissimo ombretto polverizzato in una cialdina vuota, infine ho poggiato la cialda di ombretto su questa pappetta collosa. Fatto!

I moondust urban decay sono facilissimi da depottare: già predisposti ad essere sganciati dalla confezione (andrebbero messi in una ingombrante e costosa palette dedicata), vanno poi scollati.  

urban decay moon dust depottare

urban decay moon dust depottare

Non è stato necessario usare la piastra, infatti, forse anche grazie al caldo estivo, sono state sufficienti delle forbicine  sottilissime. 

solstice moondust

solstice moondust

I refill così ottenuti non sono magnetici, ho preso perciò un magnetino per cialde, l’ho incollato alla cialda ud e visto che stavo davvero di buon umore, ho staccato dalla confezione l’adesivo con il nome dell’ombretto e l’ho messo sotto il magnete (abitudine che con gli ombretti mac ho preso troppo tardi).

palette wycon

palette wycon

Visto che Bari hanno aperto da poco un punto vendita wycon, ho acquistato una palette magnetica vuota delle stesse dimensioni di una z palette grande, e vi ho posizionato i refill neve, urban decay, inglot e gli unici due nabla che non ho rivenduto. 

ombretti depottati e pigmenti pressati

ombretti depottati e pigmenti pressati

Pur essendo meno bella di una z palette, quella di wycon ha un buon rapporto qualità prezzo.

Voi usate i pigmenti? Avete mai provato a compattarli o preferite usarli al ‘naturale’? Avete mai provato a depottare gli ombretti?

You Might Also Like

11 Comments

  • Reply Foffy 24 settembre 2015 at 16:48

    Anche io dovrei compattare i pigmenti, ne ho tanti e tendo a non usarli spesso per la fretta 🙁
    Sai che Rose è veramente uno splendido colore? *_*

    • Reply claudiaserpe 24 settembre 2015 at 16:52

      Si rose e’ spettacolare, rosa caldo con riflessi oro. Bellissimo. Infatti non li usavo mai, adesso sono a portata di mano!

  • Reply Misato-san 25 settembre 2015 at 0:24

    io preferisco tenerli al naturale, non tutti i colori rendono bene da compattati e non voglio rovinarli…

  • Reply Laura 25 settembre 2015 at 12:00

    La cosa mi affascina non poco. Io adorerei poter portarmi dietro pixie tears e tobacco di neve, come sai…ma anche teal di Mac…pure io lo comprai sapendo che non lo avrei mai consumato tutto. Ho un solo dubbio, dopo l’operazione la resa cromatica dei pigmenti , la loro sfumabilità e pigmentazione sono rimasti identici? Ho solo questa perplessità prima di procedere…thank u

    • Reply claudiaserpe 25 settembre 2015 at 12:06

      Dopo averli pressati domenica, li sto usando a rotazione oggi ho usato tobacco ed e’ perfetto, tutti i riflessi conservati. Se hai bisogno di qualche altro consiglio chiedi pure!

  • Reply Eleonora Barocelli 27 settembre 2015 at 11:09

    ho un debole anch’io per i pigmenti, concordo con te che finirli è praticamente impossibile ma non riesco a trattenermi dal comprarli. A me piacciono moltissimo quelli di Illamasqua e hanno anche una confezione parecchio furba che impedisce al colore di andarsene in giro. Io sono un po’ impedita in queste operazioni di “compattamento”, l’ho fatto una volta con un illuminante e mi è venuta una schifezza. Ciò non toglie che il procedimento mi affascina non poco ^__^
    Potrei magari fare un tentativo con uno e vedere come va. Tipo cominciare con quelli di Neve.

    • Reply claudiaserpe 27 settembre 2015 at 12:25

      Quelli di neve a mio avviso sono un poco più complicati metti solo 3 gocce di olio e usa il solito alcool. Ad ogni modo tobacco e chateau sono venuti benissimo perché ho capito che in costa smeralda ho usato troppo olio. Quelli Mac sono facilissimi anche perché tendono già da soli a compattarsi se ci fai caso

  • Reply lazyfish73 3 ottobre 2015 at 8:02

    Condivido perfettamente il tuo amore per i pigmenti,ne ho tanti e non riesco a smettere di comprarne.Ultimamente ho provato a fare il mio primo ricompattamento(avevo un ombretto Neve che si era rotto),ma non è andata tanto bene,nel senso sì l’ho ricompattato,ma usando l’alcool denaturato(quello rosa),e tuttora puzza d’alcool anche se l’ho ricompattato da due settimane(lasciato aperto perchè evaporasse,ma niente!)La prossima volta mi procuro l’alcool alimentare,che forse è meglio,anche perchè l’ombretto puzzone adesso ho paura a metterlo,temo mi faccia male :/
    Ho pinnato la tua foto così non mi perdo il post 😉

    • Reply claudiaserpe 3 ottobre 2015 at 8:56

      Ciao! Si, l’alcool denaturato non e’ indicato, perché viene trattato in modo che non sia ‘commestibile’. L’alcool etilico non lascia alcun odore. Il risultato che ho ottenuto e’ ottimo

  • Reply Valentina Bollino 18 agosto 2016 at 11:05

    bellissimo post! pigmenti ed ombretti minerali non ne prendo molti ma sono curiosissima di provare la depottazione!

    • Reply claudiaserpe 18 agosto 2016 at 11:31

      Ciao Valentina sono contenta che ti sia piaciuto! vedrai che depottare è facile, prova!

    Leave a Reply